ULTIME DALLA FLC NAZIONALE



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO. L'odissea dei buoni pasto. PDF Stampa E-mail
Scritto da Flc Cgil Torino   
Lunedì 23 Luglio 2018 09:06
Dopo la pausa pranzo di protesta in Rettorato organizzata unitariamente venerdì scorso dalla RSU dell'Università degli Studi di Torino e il primo incontro urgente con l'Amministrazione, prosegue la nostra azione e il nostro monitoraggio.  Dalla RSU FLC CGIL UniTO, il resoconto dello stato dell'arte e la determinazione per una soluzione tempestiva e favorevole per tutti.
 

 L’Odissea dei Buoni Pasto

 

 

Le inadeguatezze di CONSIP e le gravi inadempienze di QUI!GROUP, come si sa, si sono tradotti in danni ingiusti nei confronti dei lavoratori e degli esercenti, mettendo in seria difficoltà tutte le Amministrazioni obbligate ad adottare QUI!GROUP come gestore per l’erogazione dei buoni pasto.
CONSIP è colpevole di aver affidato il servizio a QUI!GROUP da inizio 2016, nonostante la pessima reputazione che aveva, e ancora peggio ha agito nel risolvere unilateralmente la convenzione (13/7/2018) senza indicare, contestualmente, soluzioni alternative immediatamente praticabili.

La nostra Amministrazione, inizialmente, qualcosa ha fatto: all’inizio dell’anno ha diffidato formalmente Qui!Group ad adempiere ed ha iniziato ad applicare le penali previste, in verità di importo molto limitato per scoraggiare il gestore. Da allora, tuttavia, ha avuto una strategia attendista, nel senso che non si è sentita di dar corso alla risoluzione del contratto minacciata nelle diffide, sperando forse di arrivare a fine anno navigando a vista.
Poteva fare di più? Ha sbagliato strategia? Riteniamo che potesse agire con maggiore decisione, certo è che ha dato l’impressione di avere le mani legate da una convenzione che non lascia spazi di manovra adeguati. Bisogna tener conto, ovviamente, che passare ad altro operatore che utilizzi buoni elettronici (che sono esenti fiscalmente fino a 7 euro, a differenza dei buoni cartacei), richiede tempi tecnici di più mesi, per dare tempo al gestore di dotare tutti i locali dei POS.

Quale scenario si prospetta?
A seguito della risoluzione della convenzione annunciata da Consip, la RSU ha sollecitato un incontro urgente con l’Amministrazione a inizio settimana, e, non ottenendo risposte, ha deciso di indire una mobilitazione di tutti i lavoratori il 20/07/2018 alle 12. Così la risposta è arrivata: la Parte pubblica ha convocato un incontro urgente il 20/07/2018 alle ore 8,00!
Sono state date una serie di informazioni, che proviamo a riportare.
Come si legge sul sito Consip, le convenzioni con i singoli enti restano in vigore, ma le amministrazioni possono procedere alla risoluzione del contratto in modo unilaterale oppure consensuale. L’amministrazione intende garantire il più possibile la continuità del servizio e si è messa in contatto con altre amministrazioni nelle stesse condizioni, valutando i pro e i contro delle strade percorribili.
In caso di risoluzione del contratto, l’amministrazione sta valutando soluzioni alternativa (come il possibile ricorso ai buoni cartacei), tuttavia i tempi non sarebbero certi, si parla di settembre o di ottobre: vi sarà dunque un periodo transitorio da gestire e anche su questo punto ancora non vi è per ora nessuna conferma. Sicuramente il servizio Qui!group sarà ancora attivo per tutto il mese di luglio, attraverso i pochi gestori rimasti a prendere i buoni. A partire da Agosto e fino a quando non vi saranno i buoni cartacei, l’Amministrazione potrebbe procedere al rimborso del buono pasto giornaliero, presentando un’autocertificazione e conservando gli scontrini per le spese. Si aprono qui vari problemi, ad esempio come si possa garantire il rimborso a chi si porta il pranzo da casa.
Il controllo sui buoni pasto spesi sarà effettuato sull'intero anno, e questo dovrebbe consentire il recupero di una parte dei buoni non spesi.

L’impressione generale è che l’Amministrazione si sia messa in azione con maggiore impegno per risolvere la lesione di un diritto che vale all'incirca il 10% dello stipendio del personale e che va garantito a tutti i costi. Continueremo a fare tutte le pressioni necessarie affinché si trovi in tempi rapidi la soluzione meno dannosa.

In ogni caso è previsto un incontro di trattativa sindacale per il 24/07/2018, in cui auspichiamo arrivi la soluzione temporanea scelta e su cui vi terremo informati.
Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Luglio 2018 10:55
 
SEO by Artio
Banner
Banner

Iniziative

Banner

Calendario

Non ci sono eventi al momento.

Login