ULTIME DALLA FLC NAZIONALE



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Le OO.SS. chiedono anche a Fism e Aninsei un confronto sugli ammortizzatori in deroga PDF Stampa E-mail
Scritto da FLC CGIL TORINO   

In analogia con quanto concordato con l’Agidae le Organizzazioni sindacali FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola e SNALS Confsal hanno chiesto alle altre due associazioni padronali e datoriali della scuola non statale, ovvero alla Fism e all’Aninsei, un confronto finalizzato a raggiungere intese quadro nazionali che impegnano le singole istituzioni scolastiche aderenti a queste associazioni ad utilizzare, in caso di crisi aziendale, gli ammortizzatori sociali in deroga per sostenere reddito e occupazione.
Non v’è dubbio infatti che la crisi nei comparti privati della conoscenza e in particolare nella scuola non statale curriculare ed extracurriculare proprio a settembre comincerà a farsi sentire.

La contrazione dei consumi e il minor potere d’acquisto delle famiglie sta producendo un diffuso calo della domanda coinvolgendo un numero considerevole di istituzioni scolastiche, educative e formative a gestione privata.

Già oggi ci sono indicatori preoccupanti: oltre alla cessazione dell’attività di alcune scuole laiche e religiose di ogni ordine e grado, assistiamo al fenomeno diffuso delle trasformazioni aziendali e di cessione di rami d’azienda. In particolare nell’area cattolica questa tendenza significa una dismissione dell’impegno diretto delle congregazioni che affidano la gestione dell’attività, in comodato o in vendita definitiva, a fondazioni costituite ad hoc e/o a cooperative sociali per lo più legate al movimento di comunione e liberazione. Mentre nell’area del privato laico l’orientamento più comune è modificazione della ragione sociale della società con la conseguente trasformazione dei rapporti di lavoro

Entrambi i fenomeni, per lo più dettati da ragioni di crisi dovuti al calo della domanda, rappresentano spesso l’anticamera di una ristrutturazione più profonda o addirittura la via della chiusura definitiva dell’attività

A fronte di questo scenario la possibilità davanti a crisi aziendali di poter accedere agli ammortizzatori in deroga può significare per i lavoratori e anche per la struttura stessa una soluzione temporanea di sostegno al reddito e all’occupazione ma comunque insufficiente per poter uscire dalla crisi.

La FLC Cgil, coerentemente con quanto sostiene da tempo la CGIL, ritiene che è giunta l’ora di una riforma dello strumento degli ammortizzatori che estenda in maniera universale a tutti i lavoratori, indipendentemente dalle tipologie contrattuali, tale diritto. Il che significherebbe dare prospettive più concrete sia alle aziende che agli stessi lavoratori per il futuro.

Roma, 22 luglio 2009

 
SEO by Artio
Banner
Banner

Iniziative

Banner

Calendario

Non ci sono eventi al momento.

Login